L'ANTICO MESTIERE DELLO SCALPELLINO

On:
L'ANTICO MESTIERE DELLO SCALPELLINO

L'ANTICO MESTIERE DELLO SCALPELLINO
Il mestiere dello scalpellino affonda le sue radici in un passato molto distante da noi, tanto da perdersi
nella notte dei tempi. Già dall'epoca degli antichi egizi, infatti, si conosce l'opera insostituibile di questi
abili lavoratori che da allora e per molti secoli sono sempre stati considerati e trattati alla stregua di
comuni “operai di cava che tagliano la pietra e la lavorano con le punte e lo scalpello per costruire opere
in serie. L'unica arte che è attribuita loro è quella di conoscere il materiale che trasformano...”. La
sapienza e la manualità che contraddistinguono questi lavoratori, quindi, non veniva né riconosciuta né
tantomeno apprezzata.
Certo è che anche all'interno della stessa categoria di scalpellini esistevano diverse professionalità e
qualità: se alcuni si limitavano a realizzare oggetti classici e poco laboriosi, ad altri dobbiamo la
realizzazione di artefatti ben più elaborati fino, addirittura, alle piazze e fontane che ammiriamo nelle
nostre città.
Il mestiere dello scalpellino, poi, richiedeva molta prestanza fisica e un notevole sforzo che serviva per
reggere ore e ore di lavorazione a mano su pietre dure e pesanti.
Quello a cui purtroppo assistiamo in questi anni, però, è la perdita praticamente quasi totale del mestiere
dello scalpellino che si salva solo grazie a nicchie ristrettissime di clientela e che sempre più raramente
per questo viene tramandato alle nuove generazioni di lavoratori. I macchinari, infatti, hanno quasi del
tutto sostituito l'opera dell'uomo, in nome di una convenienza di tempo e, quindi, spesso anche di denaro.
Nonostante questo nel nostro territorio sopravvivono per fortuna ancora antiche sapienze e maestranze
legate all'antico mondo degli scalpellini, e le mani abili di lavoratori del settore si muovono ancora sulla
nostra pietra, sebbene aiutate e supportate dall'intervento di macchinari e tecnologie sempre più avanzate.

Comments

Leave your comment

* Required field

Top